Loading...
Eredità | Avv. Giovanni Turina2021-05-12T09:06:24+02:00

Eredità e donazioni:

Problemi più comuni, e le possibili soluzioni

Come fare testamento
  • Rinunciare all’eredità oppure accettare? E come?

  • Come fare testamento, oppure come impugnarne uno

  • Gestire beni ereditati: rapporti tra eredi

  • Problemi più comuni e come risolverli: dividere l’eredità oppure impugnarla (es. hai ricevuto meno di quanto ti spettava)

Mi occupo esclusivamente di diritto civile

Rispondiamo a queste domande:

Il testamento è lo strumento principale per evitare litigi tra eredi, ma occorre scriverlo bene.

Puoi:

  • leggere il mio libro (qui)
  • leggere la mia guida gratuita (qui)
  • guardare il video che ho fatto sul tema  (qui)
Un figlio non si può diseredare.

Si può dare di più ad uno rispetto ad un altro, ma occorre fare testamento: per maggiori info leggi le risorse gratuite indicate sopra, o chiamaci.

L’erede se accetta l’eredità entra nelle stesse posizioni giuridiche del defunto:  debiti, crediti, contratti, etc.

Se c’erano debiti ingenti occorre:

  • fare attenzione a non accettare l’eredità (anche in modo tacito, ad esempio prelevando dal conto corrente)
  • valutare se accettare l’eredità con beneficio di inventario o rinunciare all’eredità
  • conferire incarico al professionista che si occuperà di gestire il tutto.
In linea di massima, se un immobile è stato ereditato tutti gli eredi hanno diritto a goderne allo stesso modo.

In ipotesi, dunque, si può richiedere l’indennità di occupazione: l’immobile ha sul mercato un canone mensile di 600€, voglio la mia parte (€ 300).

Occorre dunque valutare il caso concreto.

Questo è un tema delicato.

Chi ha fatto testamento deve averlo fatto da solo, senza aiuti o costrizioni, in piena libertà e consapevolezza.

Un testamento fatto senza queste condizioni è in ipotesi nullo / annullabile / impugnabile.

Occorre valutare il caso concreto e quindi comprendere se:

  • ci sono errori di forma
  • il testatore era capace di intendere e volere
  • è scritto a mano e firmato senza aiuti
  • vengono lesi i diritti degli eredi legittimari (coniuge e figli)

Occorre una consulenza personalizzata.

No.

Cn l’eredità si apre una comunione, dove ciascuno è proprietario di una quota ideale: ciascuno ha una fetta di tutto.

Prima o poi, la questione va gestita: occorre dividere l’eredità con l’assistenza di un professionista.

Accettazione e rinuncia all’eredità

L’erede subentra nel patrimonio del defunto (debiti e crediti): occorre prendere la decisione migliore per ridurre rischi.

Cosa sapere

Con un’accettazione pura e semplice, sì.

L’accettazione può essere espressa (dal notaio o in Tribunale) oppure tacita (quando compi un atto che solo il defunto poteva fare: prendere soldi dal c/c o l’affitto dei suoi inquilini, etc..)

C’è un rimedio: l’accettazione con beneficio di inventario.

Con l’accettazione con beneficio di inventario rispondi degli eventuali debiti nel limite di quello che ricevi, senza toccare il tuo patrimonio: erediti 100, ci sono debiti per 200, paghi massimo 100.

Altrimenti, paghi con il tuo patrimonio  tutti e 200

Testamento: come scriverlo bene, e come impugnarlo

Ho scritto sul tema un libro per Maggioli Editore (lo trovi qui).

Trovi materiale gratuito qui di fianco.

Risorse gratuite

Beni ereditati: cosa fare?

Spesso uno degli eredi si “appropria” dei beni comuni (es. vive nella casa ereditata).
Gli altri eredi hanno delle strade per tutelarsi, ma devono agire prima possibile.

Cosa sapere:

Nella pratica il problema più comune è che il coerede utilizza la casa ereditata senza pagare gli altri coeredi.

Questi hanno diritto alla loro parte, da richiedere il prima possibile.

La divisione ereditaria: agire al meglio.

Dividere un’eredità è un momento tecnicamente e personalmente difficile.
Ci sono diverse strade percorribili per ottimizzare tempi e costi. E per salvare, volendo, un dialogo.
Contatta la Segreteria per fissare un appuntamento

Risorse gratuite

Come dividere l’eredità tra coeredi: la guida pratica (clicca qui)

Eredità e immobili: cosa fare?

Ho scritto una guida completa sul tema, oppure puoi guardare i video sul mio canale YouTube (qui)

Risorse gratuite

Come dividere l’eredità tra coeredi: la guida pratica (clicca qui)

Un avvocato civilista.

MI occupo di diritto immobiliare, eredità, società e diritto di famiglia.

Lo Studio si trova a Villafranca, ed anche a Verona.

Trovi i contatti qui sotto.

Perché un civilista?

Come giovane avvocato ho scelto di coltivare un’esperienza specifica in un mondo complesso: la tutela del patrimonio per privati e piccoli imprenditori.

Il patrimonio è quel (poco o tanto) che possiedi:

  • (NO: diritto penale, amministrativo, del lavoro)
  • (Sì: diritto immobiliare, eredità, società, e tutto quel che riguarda il denaro)
Segreteria: 045 511 8311
e-mail: [email protected]

“Tutto è partito durante i miei anni universitari: avendo i genitori fotografi, è stato spontaneo laurearsi in diritto della proprietà intellettuale (tutela degli artisti). In famiglia, dovendo gestire un’importante causa ereditaria, ho approfondito ed amato il diritto delle successioni ereditarie.”

Avv. Giovanni Turina

Avvocato patrimonialista

Qual è la differenza tra una consulenza legale con un avvocato e gli articoli online?2021-02-03T09:29:21+01:00

L’intensità e la precisione. L’intensità, perché in genere chi richiede una consulenza da un professionista ha un problema (o pensiero) che ritiene davvero importante. La precisione, perché le molte variabili in gioco impediscono di dare una valutazione valida per tutti. Ogni caso è un mondo a parte, perché riguarda tempi luoghi e persone diversi.

Qual è il curriculum dell’Avv. Giovanni Turina?2021-02-03T09:36:22+01:00

Titolo di studio e formazione:

  • Laureato a Trento in giurisprudenza nel 2014 con una tesi in materia di diritto dell’arte.
  • Corso di perfezionamento per giuristi di impresa c/o Università Bocconi (2016)
  • Corso di formazione in tema di diritto e fiscalità dell’arte c/o IlSole24Ore Business School (2016)

Esperienze lavorative:

  • Pratica legale (2014-2016) presso lo Studio dell’Avv. Previti a Milano.
  • Collaborazione dal 2016 ad oggi con primario studio legale veronese in materia di diritto civile.

Pubblicazioni:

  • Come scrivere un testamento (Maggioli Editore, ISBN: 9788868058593)  che si trova qui

 

 

Dove riceve? Come fissare un appuntamento?2021-02-03T09:38:54+01:00

La sede principale è a Villafranca di Verona alla via Luigi Zago n. 13

L’ufficio secondario è a Verona alla via del Carrista n. 3

 

Appuntamenti: 045/5118311 oppure via e-mail a [email protected]

Come si svolge il primo incontro? Quanto dura, chi posso portare, cosa devo portare?2021-02-03T09:47:06+01:00

Il primo incontro si svolge in Studio, dura tutto il tempo necessario (non ci sono orologi) ed è possibile portare persone di propria fiducia.

Occorre portare tutta la documentazione necessaria ed una certa chiarezza nell’obiettivo che si vuole raggiungere.

L’onorario per la consulenza viene determinato a seconda dell’attività lì svolta secondo parametri indicati al momento della fissazione dell’incontro (valore della causa, difficoltà della pratica, attività da svolgere, etc.)

Se sarà necessario oppure opportuno valutare ulteriore attività, ad esempio una diffida ad adempiere (la classica “lettera dell’avvocato“) viene inviato preventivo scritto con le modalità e tempi di pagamento.

  • Dove siamo

(Si riceve anche il sabato mattina):

Villafranca di Verona (VR), via L. Zago n. 13
Verona (VR), via del Carrista n. 3

  • Appuntamenti